Biomet is now Zimmer Biomet

X

Messaggio di consenso


Questo sito Web può impostare uno o più cookie sul tuo computer. Per informazioni sui cookies in generale, e su quelli specifici che possono essere impostati da questo sito, si prega di leggere la nostra Policy sui cookie. Per informazioni sulla gestione dei cookie, incluso su come evitare che vengano impostati sul computer, visitare il sito web All About Cookies. L'uso continuato di un sito web Biomet sarà considerato da noi come manifestazione del vostro consenso all’impostazione da parte nostra di uno o più cookie sul vostro computer.
 

L’esperienza degli ospedali Hillingdon e Mount Vernon, Gran Bretagna

"... mantiene le promesse, permette ai pazienti di recuperare il più velocemente possibile"

 

David McVittie
Direttore generale del Hillingdon NHS Trust


Hillingdon desiderava cambiare il modo in cui venivano trattati i pazienti che venivano operati di artroplastica d’anca e ginocchio negli ospedali di Mount Vernon e NHS Hillingdon Trust.

 

La struttura voleva assicurare che i suoi pazienti ricevessero un servizio di qualità e che fossero posti al centro dell’attenzione per avere un chiaro beneficio in termini di riabilitazione e ritorno alla vita di tutti i giorni.

Gli operatori sanitari avevano la sensazione che il percorso di cura fosse frammentario e che ogni disciplina fosse indipendente dalle altre. Stavano quindi cercando di costruire un processo unico che assicurasse ai pazienti delle cure efficienti ed efficaci.

La direzione era presa nell’imminente apertura, fissata per febbraio 2009, del centro di riabilitazione e era intenzionata di iniziare ad offrire servizi efficienti subito dopo l’inaugurazione.

I chirurghi erano venuti in contatto con il programma Rapid Recovery per la prima volta negli Stati Uniti e capirono che questo approccio poteva aiutarli nel raggiungere gli standard di qualità che volevano per la loro struttura sanitaria.

Un team multidisciplinare di operatori ha lavorato assieme per 6 mesi per adattare il programma ad ogni singola fase di cura del paziente. Hanno rilevato il metodo di lavoro che stavano utilizzando e successivamente hanno definito quale sarebbe stato il nuovo percorso e metodo di lavoro. Lavorare in gruppo ha permesso di sviluppare strategie per riuscire ad avere successo in tutti gli obiettivi che erano stati stabiliti. Il risultato è stato un nuovo lineare processo frutto dei contributi di tutte le discipline. In ogni fase del processo è mirata ai benefici che ne può trarre il paziente e la struttura sanitaria.

I pazienti sono incoraggiati ad assumere un ruolo attivo nei confronti della propria cura insieme ad un familiare o amico. I pazienti sono più sicuri delle cure che ricevono e abbracciano a pieno il nuovo modo di erogazione delle cure.

La soddisfazione dei pazienti è significativamente migliorata così come il morale del team di operatori sanitari. I primi risultati mostrano che la degenza media è di quattro giorni e la mediana di tre. La maggior parte dei pazienti lascia l’ospedale dopo soli tre giorni e sono nelle stesse condizioni in cui sarebbero stati dopo cinque o più giorni se si fosse continuato ad utilizzare il vecchio metodo di lavoro.

L’eccellente preparazione del paziente prima del ricovero e il sistema per l’organizzazione della dimissione permette che non si verifichino ritardi inutili per il ritorno a casa dei pazienti.

L’ospedale sta anche vivendo un aumento di attrazione dei pazienti di zone limitrofe, che si rivolgono preferenzialmente a questa struttura conosciuta per il particolare programma di cura adottato.

Questo è solo l’inizio, tutti gli operatori stanno pianificando di migliorare i già positivi primi risultati e di sviluppare nuovi percorsi terapeutici per continuare a migliorare le cure dei propri pazienti ortopedici.


<< Indietro 

Interviste video

Chirurgo ortopedico
David Houlihan Burne >>


Chirurgo ortopedico
Vikas Vedi >>